Coronavirus, la catena più dolce